Io non sto con Oriana. Io sto con la Ragione sul serio. Per dare voce alle coscienze che lei avrebbe voluto obnubilare.
 

Il blog

Questo è un sito Verde Rosso Nero
che aderisce
alla

Prima Internazionale
dell'Odio
Qasr al Haj
Vicino alla città di Yefren, isolato su un colle e lontano dalle vie più battute, esiste una struttura chiamata Qasr al Haj. E' un edificio di mattoni crudi, roccia e gesso approssimativamente circolare, alto circa sei metri, suddiviso in centoquattordici celle chiuse con porte di tronchi di palma. Nonostante il nome faccia pensare ad una struttura militare (qasr, forse da "castrum", significa pressappoco "castello"), il Qasr al Haj è un granaio; fu fatto costruire nel XIII secolo da uno sceicco noto come Abu Jatla e serve ancora oggi per difendere dal deterioramento e -specie un tempo- dalle razzie i raccolti di granaglie. Le celle sono tante quante sono le sure del Libro e le eccedenze dei prodotti immagazzinati erano vendute per aiutare con il ricavato i pellegrini: di qui il nome di tutto il complesso.
La struttura era ed è priva di accessi non regolati ed ogni cella-magazzino ha una chiusura propria: lo scopo principale dell'opera, la difesa dei raccolti dalle infestazioni degli insetti, è stato raggiunto in modo tanto convincente che molti dei magazzini sono ancora in uso per gli scopi per cui sono nati. Le due sale vicine all'ingresso in cui vivevano i guardiani ospitano una piccola raccolta di attrezzi agricoli e domestici.

Qasr al Haji - I
Qasr al Haji - II
Qasr al Haji - III
Qasr al Haji - IV
Una cella del granaio
Ultimo livello delle celle
Attrezzi domestici - I
Attrezzi domestici - II
Rovine - I
Rovine - II
Panorama presso Yefren - I
Panorama presso Yefren - II

 

Display Num 

© 2019 .: Io Non Sto Con Oriana :. .: Io Sto Con La Ragione Sul Serio :.
Joomla! is Free Software released under the GNU General Public License.