Io non sto con Oriana. Io sto con la Ragione sul serio. Per dare voce alle coscienze che lei avrebbe voluto obnubilare.
 

Il blog

Questo è un sito Verde Rosso Nero
che aderisce
alla

Prima Internazionale
dell'Odio
Aleppo I
La città di Aleppo è sede di mercato importante ed è frequentata anche da moltissimi turchi del Sangiaccato attirati dai prezzi concorrenziali. I rapporti tra Siria e Turchia hanno un ulteriore punto di tensione proprio nelle vicende del Sangiaccato, annesso dalla Turchia nel 1939 col beneplacito francese, dopo un plebiscito che i siriani non hanno mai riconosciuto valido.
Pare che il sito sia abitato ininterrottamente da almeno ottomila anni; nel corso dell'età del bronzo la zona faceva parte dell'areale di influenza della vicina città di Mari, uno degli insediamenti di maggior importanza di quel periodo. Aleppo è stata occupata, nel corso dei millenni, da hittiti, neohittiti, assiri, caldei, persiani e seleucidi. Dopo il 64 d.C. fu parte dell'impero romano, e quindi di quello bizantino. La conquista araba avvenne nel 637: la città prosperò fin quando la capitale del califfato non fu spostata a Baghdad dagli abbasidi. Nel corso del medio evo varie potenze si contesero il controllo della città, senza riuscire ad espugnarne la cittadella fino al 1260, anno in cui ci riuscirono i mongoli. La cittadella ricostruita fu di nuovo presa e distrutta da Timur Lenkh, nel 1400.
I turchi strapparono la città ai mamelucchi nel 1516; fino al 1920 Aleppo seguì le sorti dell'impero ottomano per entrare alla fine a far parte del protettorato francese.
La cittadella di Aleppo si trova su una collina naturale, sede di un luogo di culto già mille anni prima di Cristo. Il fossato e gli spalti che la circondano hanno un'architettura difensiva tipica delle fortezze mediorientali e centroasiatiche e furono realizzati nel XII secolo.
La Grande Moschea fu fatta costruire dallo stesso al'Walid che fece costruire quella di Damasco, e portata al termine dal suo successore. Saccheggi, incendi e terremoti ne hanno imposto molte ricostruzioni, cosicché la parte più antica del complesso è l'altissimo minareto isolato, risalente al 1090. All'interno si troverebbe la tomba di Zaccaria, padre del Battista.
Cittadella
Porta
Mura esterne
Fossato
Accesso
Dentro la cittadella
Arco
Interno
Panorama
Palazzo ayyubide
Vecchie costruzioni
Case tradizionali
Grande Moschea - I
Grande Moschea - II
Grande Moschea - III
Grande Moschea - IV
Grande Moschea - V
Grande Moschea - VI
Grande Moschea - VII
Grande Moschea - VIII

 

Display Num 

© 2019 .: Io Non Sto Con Oriana :. .: Io Sto Con La Ragione Sul Serio :.
Joomla! is Free Software released under the GNU General Public License.