Io non sto con Oriana. Io sto con la Ragione sul serio. Per dare voce alle coscienze che lei avrebbe voluto obnubilare.
Questo sito è schierato con la Repubblica Islamica dell'Iran.
 

Il blog

Questo è un sito Verde Rosso Nero
che aderisce
alla

Prima Internazionale
dell'Odio
Alitalia fa rotta verso Fanculo - Quinta parte PDF Stampa E-mail
Giovedì 26 Settembre 2013 17:25

In Alaska la pizza si consegna per via aerea.
Esiste una pizzeria in Alaska che fa consegne con l'aereo
.

I piloti in esubero di Alitalia potrebbero utilmente servire la causa dell'orgoglio "nazionale" consegnando maccheroni, magari usando gli Airbus in ragione di un volo per sette porzioni[*], secondo una prassi sulla cui razionalità economica la dirigenza non avrebbe sicuramente nulla da eccepire: almeno questo è quello che i precedenti fanno pensare. L'esclusiva su rotte "nazionali" come Palermo-Bozen o Lampedusa-Trst eviterebbe tra l'altro la diretta concorrenza dell'impresa nordamericana, nel caso questa decidesse di espandersi.
Militant Blog tratta la questione degli ovvi risultati delle privatizzazioni, in un post che riportiamo per intero.
Fa davvero specie questa levata di scudi a “difesa dell’italianità” di Telecom. Proprio coloro che vent’anni prima avevano avviato il più imponente processo di privatizzazione avvenuto nella storia, oggi si dolgono per i suoi frutti avvelenati. Il problema però è che tutto questo dibattito parte da presupposti sconclusionati, e lo capiscono anche i più lucidi fra i protagonisti, come ad esempio il primo ministro Letta.
Di fatto, qualsiasi impresa che viene privatizzata è già, di fatto, contraria alle logiche del tanto evocato “interesse generale”. La nazionalità dell’imprenditore di turno non è certo garanzia di scelte politico-economiche condivise. Non è necessario qui scomodare teorie sul capitale che è già, di per se, transnazionale, e dunque refrattario per sua natura ad ogni ipotetico “interesse nazionale”. Basta un po’ di cronaca quotidiana. In base a quale legge o regola di mercato un imprenditore dovrebbe puntare all’interesse nazionale della sua azienda? Ci pensa forse l’italianissimo Marchionne quando delocalizza la produzione all’estero? Per quale motivo il Bernabè di turno dovrebbe avere a cuore non il profitto della sua azienda privata, ma l’interesse nazionale da difendere? E in cosa cambierebbe se l’azienda passasse in mani spagnole? Accadrebbe questo: che i profitti generati dal controllo dell’azienda, invece di finire in tasca dell’imprenditore italiano finiscono in quelle dell’imprenditore spagnolo. Cosa cambia dunque per il tanto citato “interesse nazionale”? Nulla.
Stesso discorso vale per Alitalia. Questa già da anni non è più la “compagnia di bandiera” (per esserlo dovrebbe essere di proprietà dello Stato), ma un’impresa privata in mano ad una cordata di imprenditori guidati da Matteo Colaninno. E’ di fatto già transnazionale. Per quale motivo il suo prossimo passaggio in mani franco-olandesi dovrebbe nuocere all’interesse nazionale? Il ministro Lupi chiederà oggi al  suo omologo francese garanzie occupazionali. Con  quale coraggio la compagnia aerea che in questi cinque anni ha licenziato migliaia di lavoratori chiede ora garanzie di non licenziare ulteriore personale? Perché la proprietà francese non dovrebbe continuare laddove quella italiana ha già dato prova d’estrema efficienza capitalista? Cosa cambia per l’interesse dei lavoratori la provenienza della lettera che ne stabilirà arbitrariamente il licenziamento?
L’interesse nazionale, se di questo vogliamo parlare, è stato intaccato all’origine, col processo di privatizzazioni avviato dai governi di centrosinistra negli anni novanta. Che questi oggi si dispiacciano per il passaggio di consegne, non cambia di una virgola il fatto di come tutto questo dibattito sia solo fumo negli occhi. Perché la borghesia, così come il proletariato, sono classi prive di confini nazionali. Ogni vantaggio, in termini di classe, lo è immediatamente per tutti i propri appartenenti. Al di là dei confini nazionali. Questa pantomima può andare bene per qualche rigurgito nazionalista in vena di scherzare sulla perdita di sovranità, non certo per chi ragiona in termini di classe. La Telecom insomma, così come tutte le altre aziende statali privatizzate, sono da decenni ormai straniere. Con buona pace dei D’Alema di turno.
Post scriptum. Mentre scrivevamo, ci era sfuggita la parte comica della vicenda. Il Copasir (nientemeno) si è rivolto a Letta chiedendo di impedire la vendita agli spagnoli di Telefonica, perchè altrimenti si comprometterebbe la sicurezza nazionale:
http://www.repubblica.it/economia/2013/09/25/news/telecom_camusso_e_svendita-67243909/?ref=HRER2-1
Davvero abbiamo oltrepassato di molto il ridicolo. Telecom già vedeva come socio di maggioranza Telefonica, dunque già da anni Telefonica aveva accesso a questi fantasiosi dati segreti da non esportare all’estero. Oltretutto, sempre per ritornare al discorso centrale, perchè dei segreti di Stato nella mani di Bernabè dovrebbero essere custoditi meglio che nelle mani spagnole? Si tratta di due imprenditori privati, niente di più, niente di meno. Dei “segreti” ne fanno l’uso che gli pare.

[*] Ciascuna porzione collocata su un posto in business class. Non c'è motivo di negare qualche delicatezza.

 

© 2020 .: Io Non Sto Con Oriana :. .: Io Sto Con La Ragione Sul Serio :.
Joomla! is Free Software released under the GNU General Public License.