Io non sto con Oriana. Io sto con la Ragione sul serio. Per dare voce alle coscienze che lei avrebbe voluto obnubilare.
 

Il blog

Questo è un sito Verde Rosso Nero
che aderisce
alla

Prima Internazionale
dell'Odio
Anna Laura Scuderi, Elena Pesce e l'asilo Cip Ciop PDF Stampa E-mail
Martedì 08 Dicembre 2009 11:06
Dicembre 2009. Due maestre di un asilo nido pistoiese vengono arrestate. Esistono dei filmati che le mostrano mentre maltrattano i bambini loro affidati.
L'episodio distrae per un momento i sudditi dello stato che occupa la penisola italiana dai loro
maccaruna c'a'pummarola 'n coppa, dalla loro pornografia, dalla loro cocaina e dalle loro prostitute e li fa accanire in un'ondata di giustizialismo forcaiolo di assoluta e totale repellenza, ovviamente affidato a quelle reti sociali che paiono fatte apposta per amplificare il numero di questioni liquidabili facendo sfoggio di crudeltà spicciola e di incompetenza cialtrona.
Due maestre sono un bersaglio facile, quasi l'ideale per i farabutti delle gazzette: così si distraggono i sudditi dalle carceri dove si muore (settanta "suicidi" nell'ultimo anno), dai Placanica e dagli Spaccarotella cui viene affidato il potere di vita o di morte sui sudditi rappresentato dalle armi che portano, dalla povertà crescente, dalla stupidità inutile ed idiota che avvolge l'intera vita nell'"Occidente" in declino.

L'asilo Cip Ciop di Pistoia. Statuetta nonostante la "carità cristiana" pare abitasse ad un altro indirizzo.

I mostri del giorno, per Pistoia e per tutta la Toscana. L'asilo degli orrori.
Di che vivrebbero i ciarlatani delle gazzette se non avessero di questa roba da spargere a piene mani?
L'asilo pare sia privato e la scuola privata è un tipo di istituzione di cui gli "occidentalisti" dicono un gran bene. Nella penisola italiana esiste una rete di scuole "cattoliche" che fino a qualche anno fa erano semplicemente dei costosi refugia peccatorum in cui andavano a finire quanti non riuscivano, per i motivi più vari, a tenere il passo dei ritmi di apprendimento forsennati di certa istruzione pubblica.
Non abbiamo alcun motivo di credere che le cose siano cambiate.
Naturalmente non si può raccontare ai sudditi che si sta facendo di tutto per spianare la strada ad una torma di manutengoli viziati: dunque si invoca una cosa che viene chiamata "principio di sussidiarietà". Si invocano i "valori", "cristiani" per definizione. Poi si assiste, allargando le braccia, ad incidenti di percorso come questo, capaci di spazzar via interi patrimoni di credibilità -per quanto fallace, per quanto millantata- nello spazio di qualche ora.
E se invece di Anna Laura ed Elena si fossero chiamate Aisha ed Amina?
Invece di caldeggiarne l'apertura in nome di quel "principio di sussidiarietà" che piace tanto agli "occidentalisti", quelli del piddì con la elle e della Lega avrebbero portato il caso dell'asilo nel loro parlamento con interrogazioni urgenti tra l'allarmato e l'indignato.
Amina ed Aisha non avrebbero avuto bisogno di maltrattare i bambini per essere costrette a chiudere bottega in due secondi. Gli sarebbe bastato esistere.

 

© 2018 .: Io Non Sto Con Oriana :. .: Io Sto Con La Ragione Sul Serio :.
Joomla! is Free Software released under the GNU General Public License.