Io non sto con Oriana. Io sto con la Ragione sul serio. Per dare voce alle coscienze che lei avrebbe voluto obnubilare.
 

Il blog

Questo è un sito Verde Rosso Nero
che aderisce
alla

Prima Internazionale
dell'Odio
Casaggì di Firenze, l'ipocrisia antagonista PDF Stampa E-mail
Sabato 15 Maggio 2010 09:29
Maggio 2010. Il sedicente "centro sociale di destra" Casaggì rappresenta uno dei lati più rumorosi dell'attivismo "occidentalista" a Firenze. La "destra" giovanile, per interi lustri costretta ad attacchinare funerei manifesti per ancor più funerei e negletti convegni, è passata da qualche anno ad un puro e semplice canaio di scritte sui muri, blog infarciti di copia-incolla e prodigiosi esempi di incoerenza. Ad un certo punto qualcuno ha cominciato a farle il verso in rete, come si illustra qui di séguito.

All'inizio di maggio 2010 qualcuno in vena di dispettucci mette on line un clone del blog di Casaggì, sedicente "centro sociale di destra" e base fiorentina di una formazione giovanile "occidentalista" organica al principale partito del governo attualmente in carica nello stato che occupa la penisola italiana, contro la quale abbiamo avuto, e sicuramente avremo in futuro, non poco da ridire. Il blog clonato riporta articoli su articoli tratti da questa sede, accompagnati da rielaborazioni grafiche intonate ad un generico dileggio.
La notizia è apparsa sul newswire di Indymedia, sul quale abbiamo riportato questo commento.

Sfotterne uno per educarne cento!

La risposta di Casaggi Firenze -quella vera- non si è fatta aspettare più di qualche ora.
Il suo stesore potremmo chiamarlo "il Capitano" per più motivi: il primo è che "il Capitano" era l'appellativo con cui i suoi adepti ed estimatori definivano il nazionalista rumeno Corneliu Zelea Codreanu (*) che come tutti sanno gode di ampia considerazione in via Maruffi, il secondo -e più attuale motivo- è che... il suo "esercito" è soltanto lui.
Sarà il caso di ribadire che l'esecutivo in carica ha in Casaggì ed in altre organizzazioni consimili dei catalizzatori di consenso sostanzialmente dediti alla diffusione di propaganda e all'organizzazione di claques mediaticamente visibili che contestino politici sgraditi. Una pratica, quest'ultima, caduta dall'uso dopo le elezioni politiche del 2008.
In altre parole, in via Maruffi si ritrovano i pilastri umani su cui si reggono i tagli scolastici della Gelmini, la TAV, i grandi ed inutili lavori, la CIA che fa quel che diavolo le pare, le notti in discoteca di Ignazio Benito Maria La Russa, le mimetiche da operetta di Ignazio Benito Maria La Russa, le passeggiatine in Afghanistan di Ignazio Benito Maria La Russa, l'atteggiamento da paninaro di San Babila di Ignazio Benito Maria La Russa, i comportamenti da pariolino di Ignazio Benito Maria La Russa, l'aggressione all'Iraq, la pretesa-barzelletta del disarmo di Hizbollah, il controllo unificato di mezzi d'informazione che fanno in blocco rimpiangere l'obiettività e la concretezza della Pravda, i campi di concentramento travestiti da CIE, l'appoggio incondizionato a furbacchioni travestiti da imprenditori ed azionisti, gli scudi fiscali per i furbacchioni travestiti da furbacchioni, i rastrellamenti da SS nel distretto tessile pratese, le pacche sulle spalle tra sionisti veccchi e nuovi mentre a Gaza si muore sotto il fosforo, i terremoti-passerella, le carceri infernali, gli sciali miliardari per le festicciole tra potenti, la militarizzazione della vita sociale, il clima artefatto e demenziale di terrore quotidiano, la gigantesca fogna di favori sessuali ed elettorali che costituisce per intero l'arena politica, ed i gendarmi che prendono a calci i ragazzini sotto l'occhio compiaciuto della spazzatura umana che impesta le redazioni amiche.
E l'elenco sarebbe ancora lungo.
Altro che rivoluzionari.

(*) Gianfranco Fini negli ultimi mesi ha assunto il poco comodo ruolo di paria ed appestato, nonostante gli avanti e indietro con il Portico d'Ottavia e con Tel Aviv. Che la base del piddì con la elle annoveri gli estimatori di un simile antisemita arrabbiato è probabile che sia diventato qualcosa di irrilevante.


La reazione di un altro dei blogger citati, Miguel Guillermo Martinez Ball, merita anch'essa di essere citata per intero.

giovedì, 06 maggio 2010
Casaggì di Firenze, l'ipocrisia antagonista

Mi segnalano un blog, sul quale vengo citato (come fonte) varie volte. Si tratta di un clone satirico del blog di Casaggì, un gruppo che si autodefinisce il "centro sociale della destra fiorentina".
Non ho idea chi abbia messo in piedi il blog, costruito in gran parte con una raccolta di articoli copiati dal blog dell'amico Io Non Sto con Oriana. Il quale però è anche lui del tutto estraneo a questo blog-clone, che possiamo solo presumere sia nato in ambienti antifascisti fiorentini.
Questo è il blog originale e questo il clone. In genere, non mi piacciono i cloni o i siti che vivono a rimorchio delle attività altrui, comunque qui l'intento satirico è palese e non dovrebbe ingannare nemmeno un lettore di centrodestra.
Qualche dubbio sulle immagini manipolate nella colonna di destra del blog-clone: alcune sono divertenti, altre esagerano il presunto aspetto teppistico di Casaggì, un circolo che in realtà ha ben altre colpe.
I testi di Io Non Sto con Oriana, ripresi sul blog-clone, sono invece a tutt'altro livello, e colpiscono sanamente dove fa male.

Riassumiamo in due semplici concetti il motivo per cui Casaggì merita la nostra scarsa stima.

Concetto uno, le parole. Il blog di Casaggì commemora:

"Tre anni fa l'eroico martirio di Saddam Hussein".


Concetto due, i fatti. Il blog di Casaggì invita:

Casaggì e Azione Giovani sono in prima linea per cambiare colore a Firenze. Nelle prossime elezioni amministrative del 7 giugno la destra giovanile ha scelto di schierarsi con Giovanni Galli e il centro-destra fiorentino racchiuso ne "Il Popolo della Libertà".

Che in italiano forbito, si chiama presa in giro. E pure con la corda di un impiccato.
 

© 2018 .: Io Non Sto Con Oriana :. .: Io Sto Con La Ragione Sul Serio :.
Joomla! is Free Software released under the GNU General Public License.