Io non sto con Oriana. Io sto con la Ragione sul serio. Per dare voce alle coscienze che lei avrebbe voluto obnubilare.
 

Il blog

Questo è un sito Verde Rosso Nero
che aderisce
alla

Prima Internazionale
dell'Odio
"Il Nuovo Corriere di Firenze" chiude nell'indifferenza generale PDF Stampa E-mail
Mercoledì 16 Maggio 2012 07:39

I primi segnali, molto confortanti, hanno iniziato a farsi percepibili all'inizio del decennio. Più o meno dal 2010 in poi la linea editoriale e gli agenda setting ferreamente seguiti da tutto il panorama gazzettiero della penisola hanno iniziato a perdere ogni contatto con il mondo reale, portando a risultati che sembravano imprevedibili solo pochi mesi prima.
La perdita di ogni contatto con il mondo reale significa che il pubblico non riconosce alcunché di proprio nell'autoreferenzialità cialtrona, infarcita di sufficienza e di incompetenza, che costituisce da tanti anni l'ossatura della "libera informazione". Né riconosce più dei nemici in quelli che le gazzette additano ogni giorno come tali.
Detto altrimenti, si è rotta l'insihurézza.
Si è rotto anche i'ddegrado.
Si sono rotte le insurrezioni, le rivolte, le esasperazioni, le disperazioni di quelli che il gazzettaio si ostina a chiamare cittadini e che nelle società normali si chiamano -se mai li si ritiene degni di un nome- delatori.
Si è rotto il terrorismo.
Si sono rotti gli incubi e gli allarmi.
Col precipitare della credibilità residua della committenza politica, era ovvio che ci andasse di mezzo anche quella dei valletti, dei camerazzi, e dei lacché deputati a tutelarne gli interessi, e soprattutto che ci andasse di mezzo anche l'ampiamente discutibile modo con cui tutti costoro ottengono di che supplire alle necessità materiali della vita.
Nel maggio 2012 a Firenze cessa le pubblicazioni il "Nuovo Corriere".
Una gazzetta "occidentalista" non può certo contare sulle offerte del pubblico per tenersi in piedi, ed è costretta a pietire la benevolenza dei committenti con buona pace dell'intoccabile dogma liberale che l'"occidentalismo" ha difeso oltre ogni ragionevole limite e secondo il quale si deve vivere del proprio o crepare senza fare storie.
La preoccupazione di Stefano di Puccio non deve essere servita a gran cosa.

In rete si trova parecchio materiale tratto da questa gazzettina, tra cui i pochi ma eloquenti titoli che qui mostriamo assieme a qualche considerazione.

17 Aprile 2009. Rufina insorge contro l'inceneritore.
Un'occhiata all'articolo fa concludere che un'insurrezione nel paese di Rufina consiste sostanzialmente nel recarsi a teatro. Il che fa pensare che nel paese di Rufina (e secondo le gazzette "occidentaliste") un'immagine come quella qui sotto raffiguri un'insurrezione in pieno svolgimento.

Roma, 2012. Insorti nel teatro Valle.

Il Piccolo Teatro di Rufina è senza dubbio più piccolo e più modesto, ma possiamo pensare che sia comunque in grado di accogliere insurrezioni di sufficiente portata.

Quest'altra immagine, invece, illustra in minima parte e senza considerarne le conseguenze e le implicazioni, il significato che il vocabolo insurrezione ha in contesti normali.



Tehran, 1979. Insorti bruciano una bandiera statunitense. 




7 dicembre 2011. San Lorenzo a Greve come il Bronx - Auto nel mirino, cittadini in rivolta.
Leggendo l'articolo si capisce che il momento culminante di una rivolta consiste nello scrivere una lettera.
Ecco dunque l'immagine di una rivoltosa in azione.
Sicuramente il soggetto ritratto è troppo coperto da abiti per essere pubblicabile su una gazzetta "occidentalista", ma i programmi di videoritocco oggi fanno veri miracoli. 

Una rivoltosa ripresa dal "Nuovo Corriere" mentre assalta una linea di gendarmi a San Lorenzo a Greve. 

Qui sotto invece c'è appena un'idea di quello che si intende per rivolta fuori dalle climatizzate redazioni "occidentali". 

Rivoltosi greci intenti a scrivere una lettera d'amore.

Ci sono validissimi motivi per credere che la linea seguita senza deviazioni e senza dubbi dal "Nuovo Corriere di Firenze" abbia contribuito in maniera determinante a portarlo, non per primo e non certo per ultimo, diritto al fallimento.
Molto giustamente, nell'indifferenza generale.

 

© 2018 .: Io Non Sto Con Oriana :. .: Io Sto Con La Ragione Sul Serio :.
Joomla! is Free Software released under the GNU General Public License.